Ita | Eng
lente

Dopo Ferguson le proteste arrivano a New York

Rabbia dopo la non incriminazione dell’agente che a luglio aveva ucciso un uomo di colore.
Dopo Ferguson la rabbia passa a New York. Le proteste sono scoppiate nella notte di mercoledì dopo la decisione del Gran Giury di Staten Island di non incriminare un poliziotto bianco, italo americano, accusato di aver ucciso lo scorso luglio un uomo di colore, Eric Garner. Sull’onda dei fatti di St. Louis, molte persone sono scese in piazza bloccando il traffico di Manhattan: dalla stazione di Grand Central a Time Square. Oltre 30 gli arresti. Dura reazione di Barack Obama che chiede giustizia uguale per tutti e in tv ammette: “Siamo di fronte a un problema che riguarda tutta l’America, essere uguali davanti alla legge. Il mio compito è risolverlo”, ha detto il presidente americano.


Pin It
latest video