Ita | Eng
lente

Pietro Ingrao compie cent’anni

Il compleanno dello storico leader della sinistra del Pci
Pietro Ingrao compie cent’anni, “il comunista eretico senza scisma”, come lo ha definito Fausto Bertinotti festeggia oggi un secolo di vita. Nato a Lenola, in provincia di Latina, il 30 marzo del 1915, nel 1936 sull’onda della Guerra di Spagna sposa la causa antifascsta e si avvicina al Pci clandestino. Al termine della seconda guerra mondiale diventa il riferimento indiscusso dell’area di sinistra del Pci attenta ai movimenti della società. Negli anni dello stalinismo e della Guerra fredda, è direttore dell’Unità, incarico che ricopre fino al 1956. Dal ’48 entra nel comitato centrale del Bottegone, nello stesso anno viene eletto in Parlamento dove rimane ininterrottamente per ben dieci legislature fino al 1992. Nel 1976 è il primo comunista nominato presidente della Camera e in questo ruolo vive i drammatici giorni del sequestro e dell’omicidio di Moro. Grande padre della sinistra, ha attraversato il ‘900, con il suo carattere sanguigno e con la piena consapevolezza dei suoi errori, dall’editoriale filosovietico sui fatti d’Ungheria all’espulsione, in ossequio all’ortodossia di partito, dei suoi amici del Manifesto. In “Volevo la luna”, la sua autobiografia, scrive: “Noi siamo stati sconfitti, ma abbiamo vissuto un’esperienza straordinaria. Oggi, a volte, l’orizzonte della politica mi sembra diventato più piccolo e angusto”.


Pin It
latest video